Maratona di Reggio Emilia, "al via" progetto sostenibilità

Vai alla pagina Facebook Vai alla pagina Facebook Vai al gruppo Linkedinnews RSS

Il panorama podistico internazionale ha, ormai da diversi anni, interiorizzato la volontà di organizzare gare sportive attente all’ambiente e di utilizzarle come strumento per coinvolgere attivamente gli atleti che ne prendono parte. La Maratona di Parigi, ad esempio, ha un tratto del tracciato di gara coperto da un tappeto piezoelettrico (in grado di produrre energia rinnovabile dalla corsa), la Maratona di Chicago distribuisce agli atleti magliette in poliestere 100% riciclato, mentre alla Maratona di Londra si evitano i rifiuti associati alle migliaia di spugnaggi con i nebulizzatori. A volte, quando non emerge una chiara sensibilità ambientale da parte degli organizzatori, sono addirittura gli atleti a sollecitare un cambiamento di direzione attraverso petizioni largamente partecipate, è il caso della Maratona di New York.

Un connubio quello tra sport & ambiente, che vede in prima linea anche l’Italia. E' il caso della Tricolore Sport Marathon (8 dicembre, Reggio Emilia) che ha avviato, a partire da questa edizione, uno strutturato percorso per rendere la Maratona di Reggio Emilia un evento sostenibile.  Un percorso che prevede il supporto attivo di UISP comitato di Reggio Emilia e del regionale Emilia Romagna, quest'ultimo promotore di un progetto dedicato alla sostenibilità degli eventi sportivi realizzati sul territorio.

Le buone pratiche della Maratona di Reggio Emilia
Sulle orme di Londra 2012, i Giochi Olimpici più sostenibili della storia, sono state proposte, discusse, e saranno sperimentate, scelte organizzative o di fruizione dell’evento meno impattanti per rendere la Maratona di Reggio Emilia un evento sostenibile.

Già dall’edizione di quest’anno gli organizzatori si impegnano a monitorare gli aspetti ambientali rilevanti di un evento di queste dimensioni (trasporti indotti, rifiuti prodotti, ecc.) e sperimentare innovative scelte per ridurre l’impronta ecologica dell’evento. Iniziando un percorso che porterà la maratona nell’edizione 2014 a certificarsi secondo lo standard Eventi Sostenibili® ICEA.

  • Coinvolgimento di organizzatori, espositori, associazioni di produttori e volontari nelle scelte sostenibili e nei processi di miglioramento dell’evento;
  • Segreteria organizzatrice con gestione sostenibile degli uffici (forniture ecologiche prodotti cancelleria e pulizie, raccolta differenziata, scambio materiale in formato elettronico, etc.);
  • Indicazioni sulle strutture ricettive a km zero;
  • Volontari per supporto agli atleti e sensibilizzazione alle buone pratiche;
  • Valorizzazione dei prodotti alimentari a filiera corta e delle eccellenze del territorio;
  • Utilizzo di auto-cronometro ibride (carburante + elettrico);
  • Riduzione del traffico e delle emissioni inquinanti per trasporto su navetta atleti ritiratisi;
  • Promozione “Ti Veniamo a Prendere”, iniziativa per incentivare il trasporto collettivo di gruppi ed associazioni sportive;
  • Incentivazione mobilità pubblica con bus navetta dalla stazione all’area dell’evento;
  • Uso dell’acqua di rete: presenza di casa dell’acqua al punto di arrivo degli atleti;
  • Sperimentazione punto ristoro con acqua a km zero (“42 Km per te, Km 0 per l’acqua”);
  • Distribuzione di asciugamani in cotone con logo maratona (al posto delle mantelline termiche usa-getta indifferenziabili);
  • Raccolta e riutilizzo di indumenti gettati nel post-partenza attraverso collaborazione con gattile e canile di Reggio Emilia;
  • Gestione raccolta rifiuti differenziata e piano di monitoraggio.


Il progetto di UISP Emilia Romagna

Il percorso di sostenibilità, che vede apripista la Maratona di Reggio, rientra in un progetto più ampio ed avviato grazie alla collaborazione tra diversi soggetti quali UISP Regionale, Comitati e Società Sportive, Punto 3 ed ICEA (Istituto di Certificazione Etica e Ambientale).  Il progetto prevede, nell’arco dei due anni sportivi 2013 e 2014, un calendario di sei eventi sportivi organizzati secondo i principi dello sviluppo sostenibile:
1. Maratona di Reggio Emilia (Reggio Emilia, 8/12/13), 2. Rassegna Ginnastiche (Bologna, 12/01/14), 3. Finali Campionati Provinciali di Calcetto (Parma, aprile/maggio 2014), 4. Gara di Autocross (Novellara, 27/04/14), 5. Finali di Beach Tennis (Marina Romea, 25/05/14), 6. Gara di MTB (Forlì Cesena, ottobre/novembre 2014). Inoltre, a garanzia di trasparenza e credibilità, il livello di sostenibilità di ciascuna manifestazione sarà analizzato e certificato secondo lo standard Eventi Sostenibili® ICEA.
L’obiettivo finale del progetto di UISP Emilia Romagna sarà la realizzazione della prima linea guida per l’organizzazione di eventi sportivi sostenibili, suddivisa per disciplina sportiva. Il documento verrà promosso e diffuso a tutto il mondo sportivo a livello regionale e nazionale.


Per approfondire Tricolore Sport Marathon

Per saperne di più sulla Certificazione Eventi Sostenibili® ICEA

Condividi: